Moda e società

In una società multietnica, dove l’interazione tramite i socialnetwork ci porta inevitabilmente ad avere degli scambi (di qualsiasi natura) con gli altri, anche il nostro modo di essere, di pensare, mi agire e perché no, anche di nutrirsi e vestire, può avere degli effetti positivi su di noi, se frutto di questa interazione e scambio.

Bisognerebbe prendere sempre il buono da ogni cosa e sfruttarlo al meglio per noi. Imparare dagli altri; essere umili, accettare consigli e critiche, gradire pareri e opinioni e cercare sempre di migliorare.

Uno di questi campi che a mio parere possa sfruttare a pieno queste possibilità è la moda:

La moda sta’ diventando un “fatto personale”, nel senso che ognuno di noi è stilista a modo suo. Leggendo molti blog, confrontandomi con professionisti del settore e sentendo opinioni, sempre più persone “adattano” una moda o uno stile alla propria personalità; questo è un fatto positivo, che porta le persone a non solo “seguire il branco”, ma a uscirne come singola entità.

Seguire la moda non è più solo una cieca rincorsa all’oggetto desiderato, ma fare di se stessi un’icona di stile, e poco importa se la raffigurazione che si mostra agli altri lasci a desiderare.

Lasciare un segno, essere creativi, stilisti di se stessi, interattivi, questo è l’impulso che spinge una persona “normale” a diventare artefice del suo cambiamento.

Welcome to Desdemona

Anno nuovo, post nuovo ;-). Voglio ospitare un post di un’amica “speciale”. Il perché lo scoprirete nelle sue note personali…qui di seguito.

Desdemona è una creatura nata in “Second life”. Voluta e creata per riempire un vuoto, uno spazio bianco lasciato immacolato per troppo tempo. Ognuno ha il suo riflesso, una “parte” che si tende a nascondere, vuoi per pudore, vuoi per vergogna. Desdemona è il riflesso, un raggio di sole che illumina una vita.

Desdemona dopo una breve apparizione in “second life”, decide di uscire dal quel mondo, troppo piccolo per lei e dedicarsi a ciò che è nella sua natura, la moda.

Eccentrica, spirito libero, non si lascia rinchiudere in nessun “cliché” e seguendo solo il suo istinto, ha sempre fatto di testa sua, trovandosi molte volte anche nei guai, ma tutto ciò invece che demolirla, le ha rafforzato un carattere già di per se stesso forte.

Una creatura come lei nata dalla fantasia di un umano, non ha età, ma ha passioni, sentimenti, desideri e umori tipici e identici di chi l’ha creata. L’unico pensiero del suo creatore, è che presto questa creatura libera, si liberi anche di lui, e diventi reale come lo è il suo pensiero.

Desdemona è fotografa, scrittrice, fashion design, blogger, pittrice, esteta e questo è il suo mondo.

Some sketch for cover girls

Some sketch for cover girls

Be creative, be original, be yourself.

Eccedere e creare, il disegno non è solo espressione e forma d’arte.

Il semplice tracciare dei segni su su supporto cartaceo è il gesto di disegnare, ogni segno gettato su un foglio è l’espressione di un momento, una sensazione spontanea, che vale più di mille parole. Non a caso il “disegno” è stato il primo modo di comunicare, forse ancora prima della parola.

Be creative, be original, be yourself. 

Disegnando praticamente di tutto, ho ritratto momenti e persone e le donne che sono state e sono tuttora fonte d’ispirazione.

Così ora invece di svestirle, mi sono immaginato di rivestirle, pescando a piene mani nell’astratto e nella realtà. Forme sinuose, che fasciano scoprendo, che accentuano più che lasciare vedere e dando all’immaginazione un tocco di sensualità.

Il gioco della seduzione tanto caro a Ovidio, riprende da dove lo aveva lasciato, accendendosi di nuove sfumature. L’abito è l’accessorio principe della seduzione, il complemento all’eros, il fondamento dell’essere femminile.

La donna è stata creata per essere plasmata, colorata, indorata, profumata e innalzata al pari di una dea; alla femminilità umana nessun colore stona, nessuna sfumatura è eccessiva, nessun accostamento è azzardato, per lei, le stesse divinità scesero sulla terra e sfogarono le loro ire, su umani e sugli stessi dei.

Così tra il serio e il faceto, in un gioco antico come l’umanità, ho voluto incidere su carta la debolezza umana, che per la donna s’è messa al pari degli dei, creando e sfidando miti antichi come l’umana vanità.

Donna è vanità, che si specchia nelle quiete acque del fiume innamorandosi della propria immagine riflessa, come un novello Narciso che a nessuno si dona e lascia languire d’amore anche se stesso.

ImpressionistaUrban flare Bianca estateUrban flare 2

Diventare modelli. Alcuni consigli pratici

Book fotografici

Modella

Alcuni consigli dal web per chi volesse intraprendere la carriera di modella o fotomodella.E’ importante prepararsi a un test con un fotografo, a un casting o provino ponendo particolare attenzione al proprio corpo.

Una depilazione completa e attenta è necessaria come una corretta cura generale del proprio aspetto. I capelli devono essere in ordine in quanto normalmente per una modella emergente non interviene sul set un hair stylist che lavori a lungo sulle modelle.Il trucco di base non deve essere troppo pesante ma deve essere una buona base da essere poi ritoccata in studio o comunque prima delle foto.

Le sopracciglia , le unghie ed in generale il proprio aspetto deve essere molto curato.

Se d’inverno si e’ particolarmente pallide e questo non dona al proprio aspetto, una leggera lampada solare puo’ essere indicata se fatta alcuni giorni prima delle foto. Non correre comunque mai il rischio di scottature prima delle pose!

La modella emergente si deve presentare al test con:

–         I propri effetti personali (trucco,  creme, ecc)

–         Eventuali accessori da usare nelle fotografie: calze,spille, collane, occhiali(se richiesti), cintura, qualsiasi cosa che ti piacerebbe usare come accessorio durante gli scatti.

–         Un completo gonna corta , più top scollato o camicetta con relative scarpe alte.

–         Un vestito o completo elegante.

–         Un completo casual anche con jeans.

–         Costume due pezzi (anche più di uno)

–         Intimo abbinato o completo da usare insieme ai vestiti. Reggi seni, mutande, tanga e perizoma sia neri, bianchi e colorati a secondo di ciò che si possiede. Eventuali completi intimi, autoreggenti, guepiere o bustini a seconda dei propri gusti personali.

–         I tessuti, veli o top trasparenti o semi trasparenti sono molto abbinabili e spesso utili.

Dal punto di vista della preparazione la modella deve possedere padronanze e saper interpretare almeno 20 pose in sequenza. E’ possibile impararle allo specchio copiando da fotografie viste sui giornali o in tv. La modella deve avere confidenza e famigliarità con il proprio corpo per saper prendere pose di ogni genere (sensuali, sexy, solari, intense, buffe, intriganti) sempre con grande naturalezza. In questo senso non si pretende molto dalle modelle alle prime armi. In generale per istaurare un buon contatto con il fotografo e’ bene sapere essere confidenti e disinibite. Un atteggiamento spontaneo e naturale e’ la base di partenza per costruire qualsiasi situazione fotografica. Fare un servizio fotografico e’ principalmente un gioco creativo fra il fotografo e la modella. Entrambi devono lavorare in sintonia instaurando un rapporto aperto che renda possibile sperimentare liberamente nuove situazioni, ambienti, pose.

L’errore più comune delle modelle emergenti e’ quello di essere troppo tese, come si dice in gergo:“ di ghiaccio” senza permettere cioè alla troupe o al fotografo di entrare in sintonia con la situazione.

Per quanto riguarda la location una buona foto può nascere sia da un ermetico studio , che da una splendida donna in mezzo ad una tribù, in una spiaggia, strada…Perfino un rottamaio e’ stato teatro di un nostro servizio per una nota firma di moda! La modella deve riuscire a non lasciarsi influenzare troppo dall’ambiente circostante e ad essere espressiva in ogni situazione.

Le fasi normali dello shooting sono:

–         prova degli outfit (vestiti o situazioni)

–         abbinamento degli outfit con le location

–         foto di prova

–         prova luci

–         prima sessione fotografica

–         pausa e visione delle foto (se digitali)

–         sessioni successive

La modella deve capire quando è in momento di posare (sessioni fotografiche) , di collaborare (prove luci) o semplicemente di essere naturale e veloce (prova vestiti).

Questi consigli e suggerimenti risultano molto utili anche per lavori nel genere moda, partecipare ai casting Raiconcorsi di bellezza.